Cosa fare se il cane non mangia, 5 consigli perché la ciotola torni vuota

Reading Time: 4 minutes

Può accadere che il cane, senza un’evidente ragione, un giorno annusi la sua ciotola e…si allontani. Cosa fare se il cane non mangia?

La mancanza di appetito può avere diverse cause e non deve essere confusa con il rifiuto del cibo. In caso di evidente rifiuto dopo 1 giorno è necessario mettersi in contatto con il proprio medico veterinario.

In tutti gli altri casi, quando un cane non mangia le sue crocchette o il suo pasto umido o casalingo potete fare affidamento sui 5 consigli che vi propongo. Scoprite la ricetta gourmet alla fine dell’articolo per far cambiare pasto al vostro cane, almeno nel fine settimana.

Il cane non mangia le crocchette, perché?

Se il vostro cane si rifiuta di mangiare le crocchette che ha sempre accettato, forse è stufo di quel gusto. Il cibo secco può essere meno invitante perché avete cambiato marca, magari costa meno, ma è anche poco gustosa. Considerate che, se lasciaste scegliere il cane, tra crocchette e cibo umido o casalinga o BARF, non sceglierebbe mai le crocchette!

Tuttavia per fare un tentativo, perché non volete cambiare tipo di alimento, vi suggerisco di leggere Crocchette e ingredienti freschi insieme? Scopri come fare, un articolo che ho scritto appositamente per aiutarvi a rimediare a questo tipo di inappetenza

Un altro fattore da non sottovalutare nel caso il cane non mangi le sue crocchette può essere la stagione, in estate con temperature superiori ai 30 °C molti cani perdono l’appetito. Il processo di digestione e assimilazione dei cibi produce calore, che il corpo del cane deve disperdere. Se la temperatura è alta il cane può decidere di non mangiare del tutto o in parte.

Cosa fare se il cane non mangia, 5 consigli perché la ciotola torni vuota

  1. Passare all’umido in scatola. Se l vostro cane si è stancato di mangiare sempre e solo un tipo di crocchette o se il caldo estivo lo rende inappetente, cosa ne pensate di passare all’umido in scatola?  L’umido è cotto, ma gli ingredienti mantengono la maggior parte dell’acqua di quando erano freschi. Il gusto è simile a quello della carne di un animale, l’aroma è naturalmente invitante, in poche parole tutti i cani lo gradiscono. Se aggiungerete un poco di acqua tiepida otterrete una zuppa densa, biologicamente più vicino agli alimenti di cui il cane si ciberebbe. Certo l’umido é più costoso delle crocchette, ma può essere una scelta che risolverà per sempre questo tipo di problemi. Se vuoi, puoi approfondire qui.
  2. Aggiungere alimenti freschi. Se il suggerimento di passare all’umido in scatola, anche solo per l’estate, non vi convince, potete aggiungete una piccola quantità di alimenti freschi al pasto a base di crocchette. Pensate a un tuorlo crudo, mischiato alle crocchette, un cucchiaio da minestra di ricotta senza lattosio, una generosa grattugiata di parmigiano reggiano. Oppure un un cucchiaio di verdure cotte e frullate, scegliete carote o zucchine o sedano o zucca o finocchi.
  3. Cambiate orari in base alla stagione e all’attività svolta. Quando la mancanza di appetito è dovuta principalmente al caldo estivo, potete cambiare gli orari dei pasti e delle passeggiate. Anticipate il più possibile la passeggiata del mattino, le 6,30 è un orario dove per almeno 1 ora dovreste poter passeggiare con una buona temperatura. La sera, ritardate il più possibile l’uscita, valutando l’umidità e dunque l’afa da affrontare. Al rientro dalle passeggiate, offrite acqua fresca e aspettate a per il pasto, sino a che sia tornato a respirare a ritmo normale. Una volta che il cane si presenti rilassato e non più accaldato potrete farlo mangiare.
  4. Aiutatevi con il kong ripieno. Il kong é un oggetto conico e cavo, che può essere riempito con carne cotta o cruda e poi posto in congelatore. In questo caso lo consiglio per rinfrescare il cane in estate. Quando lo vorrete offrire, lasciatelo qualche minuto a temperatura ambiente. Non tutti i cani trovano divertente passare il tempo a leccare la carne congelata nel kong, ma anche se lo useranno brevemente, avranno comunque un certo refrigerio.
  5. Alternare un cibo commerciale a un pasto casalingo. Le crocchette sono un alimento facile ed economico, ma come ho detto in precedenza sono anche uno degli elementi che genera la maggior quantità di energia riscaldante nell’intestino del cane. Non sempre possiamo abbandonare le crocchette solo perché il cane non le vuole, potete però provare a sostituire il pasto serale con un pasto casalingo. Importante: si può provare solo se il cane mangia al mattino e alla sera, così che vi sia un tempo adeguato di svuotamento dello stomaco.

Il cane non mangia? Provate la ricetta dell’omelette al salmone

Questa ricetta permette sia di spezzettare una parte dell’omelette con le crocchette (1 cucchiaio da minestra al massimo per cani di taglia medio-grande) o di preparare la parte proteica dell’alimentazione casalingo del vostro cane. Il salmone è ricco di omega-3, acidi grassi essenziali che assicurano la salute della pelle, del cervello e di altri organi del cane.

Volete altre ricette? Cliccate qui.

Ingredienti

Per cani da 4 a 15 kg:

  • Uovo grandezza media    1 (53 gr)
  • Salmone crudo                50 grammi
  • Aneto o prezzemolo        1 presa

Per cani da 16 a 30 kg :

  • Uovo grandezza media    2 (53 gr)
  • Salmone crudo                100 grammi
  • Aneto o prezzemolo        1 presa

Esecuzione

Rompete le uova in una ciotola e sbattetele, nel frattempo riscaldate una padella antiaderente. Aggiungete pochissima acqua e fatevi scivolare le uova sbattute, regolando la fiamma per non bruciarle. Quando l’omelette sarà cotta a metà, spolverare con l’aneto o il  prezzemolo sminuzzato e adagiarvi sopra le fettine di salmone. Con una spatola ripiegate una metà dell’omelette sull’altra e finite di cuocere, sempre controllando il calore. Togliete l’omelette dalla pentola e lasciatela raffreddare, quindi tagliarla a metà.  Avrete la dose da aggiungere ai 2 pasti del giorno, che dividerete in pezzi adeguati alla masticazione del vostro cane.

2 commenti su “Cosa fare se il cane non mangia, 5 consigli perché la ciotola torni vuota”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ciao, sono Elena Garella.

Ti racconto un po di me

Social Media

ULTIMI ARTICOLI

IL LIBRO DI FIDO A TAVOLA

Acquista la tua copia

SEGUIMI SU FACEBOOK