Tempo di lettura: 6 minuti

Dieta casalinga per il cane. Tutto ciò che devi sapere

Dieta casalinga per il cane, da dove cominciare? In questo articolo trovi tutto ciò che devi sapere per cucinare un’ottima alimentazione casalinga per il tuo cane. 

Ciò che amo della dieta casalinga è veder mangiare il cane con gusto e per questo è necessario bilanciare i vari ingredienti tra di loro. Nei prossimi paragrafi ti guiderò a farlo e alla fine dell’articolo troverai alcune indicazioni su come calcolare le dosi dei pasti e le quantità dei vari alimenti.

Ultimo aggiornamento maggio 2024

Dieta casalinga per il cane, cominciamo componendo la ciotola

Cosa significa comporre una ciotola nella dieta casalinga per il cane? Vuol dire assicurargli una alimentazione varia, che comprenda proteine di qualità, carne, pesce, organi, in abbondanza. Aggiungere sempre le verdure, fonte di fibra, vitamine e minerali, un poco di cereali o patate, se vuoi, soprattutto per dare energia a cani molto attivi.

Non dimenticare che, poichè nell’alimentazione casalinga gli alimenti si cuociono, dovrai aggiungere un integratore vitaminico naturale. Ne esistono di ottimi che ho analizzato in questo articolo. Si tratta di prodotti per cani adulti e senior, se vuoi offrire la casalinga a un cane ancora cucciolo, occorrerà valutare la taglia e la razza/meticcio per decidere se è già il momento opportuno.

Tutti gli alimenti, destinati a comporre il pasto del cane, devono essere tagliati in bocconi adatti all’ampiezza delle fauci, possibilmente di uguale grandezza tra loro, così che il cane debba masticarli e non possa ingoiarli tal quali. In alcuni casi si possono sminuzzare o tritare, come spesso consiglio con i cani voraci e con i levrieri.

Il pasto deve essere somministrato dopo aver cotto gli alimenti, averli mescolati tra loro e aver aggiunto poca acqua tiepida, per creare una specie di zuppa densa.

Dosare l’acqua nella dieta casalinga per il cane

Soprattutto nelle prime fasi in cui il cane passa da un’alimentazione secca commerciale a una alimentazione casalinga, l’aggiunta di acqua tiepida aiuta a rallentare l’ingestione del cibo. In questo modo si eviteranno problemi digestivi e che il cane vomiti perché ha mangiato troppo velocemente. Nel paragrafo seguente vi illustrerò l’importanza della transizione da un’alimentazione secca commerciale (crocchette) a una umida e biologicamente approrpiat (dieta casalinga).

La quantità di acqua da aggiungere deve essere dosata in base agli ingredienti che compongono il pasto, ne occorre di più se sono presenti patate o riso e, naturalmente, anche in base al gradimento del vostro cane. Una ciotola grande con acqua fresca sempre disponibile, deve essere presente anche quando si somministra i pasti in forma di zuppe dense.

La transizione da crocchette a dieta casalinga per cani è fondamentale per evitare problemi

ciotola di crocchette, in alluminio, su pavimento in legno

L’alimentazione casalinga è biologicamente appropriata e ideale, se ben eseguita. Hai fatto la scelta giusta, ma…il cane mangia da sempre crocchette e il suo intestino è abituato a quel tipo di alimento.

Per far si che tutto vada bene occorre predisporre, almeno 5 giorni prima dell’inizio del cambiamento, una somministrazione di probiotici che aiutino il microbioma a rimodularsi. Puoi approfondire i probiotici e come utilizzarli in questo articolo.

Un altro importante accorgimento e non sostituire immediatamente le crocchette con l’alimento cucinato, ma progredire per gradi. Ad esempio: per una settimana offrire crocchette al mattino (metà razione) e alimentazione casalinga alla sera (metà razione). Se l’organismo del cane tollera bene il cambiamento si può passare a un regime di dieta casalinga completo per il cane.

Preparare la carne, l'importanza della cottura

Nell’alimentazione casalinga per i cani la cottura è molto importante:

  • le carni di maiale, pollo, tacchino e anatra devono essere sempre cotte a cuore (in profondità)
  • la carne di cavallo e di manzo può essere solo scottata esternamente, eccetto nel caso del macinato, che dovrà essere cotto completamente, per il rischio di contaminazione microbica.
  • Gli organi, principalmente fegato, cuore, milza, reni si cuociono con delicatezza. Se vuoi approfondire come trattare gli organi puoi leggere questo articolo.

Vi sono vari modi di cucinare la carne per il cane, una cottura molto gradita è  alla piastra e alla griglia, ma se hai poco tempo puoi utilizzare una padella antiaderente, dove metterai la carne e/o gli organi insieme ad una modesta quantità di acqua. L’acqua permetterà di cuocere il tutto senza che si bruci o attacchi al fondo della padella.

Non aggiungere olio o altri grassi, durante la cottura, possono modificarsi e non fare bene. Il brodo di cottura si può conservare e diluire con dell’acqua tiepida, per utilizzarlo durante la preparazione della zuppa densa finale.

Attenzione: l’intestino di cani delicati può non sopportare neanche il brodo diluito, comunque ricco di nutrienti, e il cane potrà avere un episodio di dissenteria.

taglimdi carne di manzo pronti da cuocere

Dieta casalinga per il cane, via libera al pesce

Se il tuo cane gradisce il pesce, scegli sia pesce bianco, sia pesce azzurro ricco di omega-3. Puoi comprare il pesce bianco surgelato, come il merluzzo o nasello, così che sia privo di lische, se fresco dovrai fare molta attenzione a non lasciarne neanche una. Una volta cotto, dovrai eliminare la testa, la spina centrale e tutte le lische. Infatti, sono fastidiose e pericolose come per noi umani..

Il pesce azzurro, sardine, alici, sgombri, in genere lo troverete fresco, fatta eccezione per lo sgombro, venduto anche in filetti surgelati.  La cottura del pesce deve essere completa, ma senza renderlo stopposo. Potete cuocerlo con poca acqua in una padella antiaderente oppure al vapore. Se non avete una vaporiera, basterà porre su una pentola, con acqua in ebollizione, uno scolapasta in metallo e adagiarvi il pesce dentro. Poi coprire con un coperchio.

Come utilizzare riso, pasta, pane e patate

I cereali sono ricchi di amido e la loro unica funzione è fornire energia al cane. L’amido,una molecola molto lunga,  dovrà essere scomposto con la modesta o buona quantità di enzima amilasi che ogni singolo cane possiede. Proprio per la complessità della sua molecola, l’amido richiede un lungo lavoro per essere digerito e assimilito, per questo suggerisco di dosare attentamente la quantità di cereali presenti nella dieta casalinga per il cane.

Il riso e la pasta devono essere cotti bene, non al dente, ma neanche stracotti.  Ricorda che i cani non sono nati per mangiare cereali. Ti suggerisco di preferire il riso alla pasta, perché più digeribile e privo di glutine, che può dare intolleranza. Puoi scegliere il riso basmati, che contiene meno amido delle altre varietà e se hai poco tempo per cuocere, puoi scegliere anche il riso soffiato per cani. .

Il pane non è un ingrediente da utilizzare abbondantemente nella dieta casalinga, perché prodotto con farine molto raffinate. Potete però offrirlo, ben secco o tostato, come snack pomeridiano massimo 2 volte a settimana.

Altri cereali che si possono utilizzare sono: l’avena in fiocchi decorticata, la quinoa, l’amaranto e il miglio, ad essi, insieme al riso,  ho dedicato l’articolo I 5 cereali per il cane.

Le patate, sono considerate una verdura, ma sono tuberi ricchi di amido. Lo stesso vale per la patata americana o batata. Possono essere quindi un’ottima alternativa ai cereali per fornire energia, ma vanno utilizzate con attenzione in considerazione del loro indice glicemico, che potrebbe indurre il diabete.

Tutti i tipi di patata devono essere sempre cotti, puoi bollirle o cuocerle al microonde, poi le schiaccerai come per fare un pure.

Le verdure, ricche di vitamine, minerali e fibra

Non tutti i cani amano le verdure e anche quelli che le mangiano, sono selettivi. Comincia con piccole quantità di quelle meno saporite, come le zucchine e i finocchi, e poi inserisci verdure dal sapore più deciso, come carote e zucca. Per la cottura ti suggerisco di cuocere le verdure al vapore, preserverai maggiormente le vitamine. Cotte al vapore le verdure avranno un gusto migliore, rispetto a quelle bollite. Tuttavia, le carote si possono anche offrire crude, grattugiate.

Lava sempre le verdure, poi tagliale a pezzi, così diminuirai il tempo di cottura. Una volta cotte, schiacciale bene o trasformale in un pure. Quando il tuo cane sarà abituato al gusto, potrai cuocere vari tipi di verdura insieme, per dare più gusto e varietà.

Una corretta integrazione rende il cane vitale

Oli, grassi, vitamine e minerali si aggiungono tutti alla fine della preparazione del pasto.

Come olio consiglio l’olio di girasole , perché ha la giusta quantità di acido grasso linolenico, essenziale per il cane. L’olio di oliva o EVO, che molti usano, non ne ha abbastanza, ma è ricco di antiossidanti. Alternali lungo la settimana. Si può aggiungere anche un ottimo olio di pesce per gli omega-3, ma io preferisco suggerirti di aggiungere il pesce azzurro.

Gli integratori vitaminici sono molto utili per apportare la giusta quantità di vitamine e minerali, così da compensare le perdite dovute alla cottura.  Potete utilizzarne di tipi diversi, sia naturali che di sintesi. Questi prodotti sono molto importanti per assicurare al cane giovane e/o adulto una buona vecchiaia. Leggi questo articolo e scegli l’integratore che ritieni più idoneo.

Se scegli integratori in pastiglie, queste devono essere frantumate, in modo che il cane non scarti la pastiglia.

Come si calcolano le dosi dell'alimentazione casalinga per cani?

Suggerisco sempre di affidarsi a una nutrizionista per cani certificata,questo permette di creare un piano alimentare e delle ricette personalizzate sui bisogni del tuo cane. 

Questo è il metodo più sicuro, con cui avvicinarsi all’alimentazione casalinga per i cani. Tuttavia, arriva il momento in cui, seguendo i miei consigli , sarai in grado di gestire l’alimentazione del tuo cane anche da solo. Come fare ad adattare le ricette che troverai nel blog magazine alle esigenze del cane?

Una prima cosa è calcolare la quantità totale di cibo da offrire al cane, giornalmente. Si calcola una percentuale sul peso del cane:

  • 3% per cani di taglia toy o piccola;
  • 3,5% per cani che tendono ad ingrassare
  • 4% per cani normo peso.

Poi si utlizza una formula per bilanciare i principali nutrienti, ad esempio 75% proteine + 15% carboidrati + 10% verdure. Aggiungerai olio e integratori in base all’esperienza acquisita precedentemente.

Elena Garella

Sono nutrizionista per cani certificata e autrice del libro Cosa mangiano i nostri cani?

Posso aiutarti con consulenze personalizzate di alimentazione casalinga per il tuo cane.

Ti suggerisco di scegliere sempre la crocchetta migliore: con il cibo che scegli, dici al tuo cane che lo ami.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se desideri condividere il contenuto di questo articolo, puoi farlo qui.

Verdure per cani: il contorno perfetto adatto a tutte le alimentazioni

Verdure per cani, come puoi aggiungerle alla ciotola del tuo cane perchè siano salutari ma gourmet? In effetti, le verdure per mantenere intatte le vitamine che contengono, devono essere cotte[…]

Verdura e frutta apportano fibra nella dieta del cane

Verdura e frutta apportano fibra nella dieta del cane, oltre a molte vitamine e minerali, sono dunque essenziali nell’alimentazione di tutti i cani. Anche nel caso di una buona alimentazione[…]
Cane pastore belga mangia una testa di salmone cruda, sdraiato in un prato verde

Scopri i 3 oli migliori per il cane e come utilizzarli nella dieta

Per parlarvi dei tre migliori oli per il cane e di come utilizzarli nella dieta del vostro cane voglio fare una premessa iniziale: gli oli sono presenti anche negli alimenti[…]
Torna in alto