condividi:

7 consigli su cosa fare se il cane mangia voracemente

I cani adorano il cibo e noi attraverso di esso diciamo loro che li amiamo. Ma alcuni sono troppo motivati dal cibo, come il mio Rory, e capita che mangino davvero troppo velocemente, questi “aspirapolvere del cibo” rischiano di rigurgitare tutto il pasto dopo pochi minuti o, peggio, una torsione dello stomaco, che può anche farli morire. Vi sono alcuni metodi per rallentare la velocità con cui un cane mangia, tra i quali gestire le quantità di cibo o utilizzare ciotole che rallentano l’ingestione.

Perchè se mangia veloce è sbagliato?

La prima risposta a questa domanda è perché aspirando il cibo non lo masticano e questo porta al rigurgito poco dopo il pasto. Inoltre, questo comportamento può anche essere associato al timore che il cibo venga loro sottratto, alcuni cani mentre ingoiano rapidamente brontolano. Se avete anche altri cani in casa dovrete pensare di gestire adeguatamente il momento del pasto, uno dei più importanti nella giornata del cane, creando una routine sempre uguale nella distribuzione delle ciotole, così che anche l'ultimo a riceverla sia sicuro di averla e gestendo lo spazio in modo che nessuno dei cani sia troppo vicino all'altro. Fatevi aiutare da un educatore cinofilo professionista.

Abbiamo già accennato alla torsione dello stomaco, alcuni cani soprattutto se di taglia grande o medio grande possono esserne colpiti, se ingoiano rapidamente e senza masticare. Questo modo di mangiare porta a un riempimento eccessivo dello stomaco di aria, fluidi e cibo poco masticato, si ha quindi una dilatazione della cavità dello stomaco. E’ proprio con la dilatazione che si crea il pericolo, perché lo stomaco può ruotare sul suo asse (torsione) e chiudere ogni accesso all’intestino, il cibo non va oltre, le conseguenze per tutto l’organismo sono tremende, un medico veterinario ve le potrà spiegare esattamente.

cane con ciotola

Quale è la causa di questo comportamento?

 Per molti cuccioli il momento del pasto può essersi trasformato in un momento di alta competizione per riuscire ad ingerire una giusta quantità di cibo e da adulti hanno mantenuto il timore di poter non avere abbastanza cibo a disposizione.  Alcuni cani che vivono in gruppo possono aver avuto lo stesso problema da adulti, oppure molti cani adottati possono non aver mai mangiato un pasto ricco di carne o così profumato e buono. Tutte queste circostanze possono aver generato un comportamento anomalo, tipo mangio tutto velocemente perché qualcuno potrebbe sottrarmelo. Il comportamento può essere più pronunciato in presenza di altri cani che vivono nella stessa casa, oppure può essere involontariamente generato da noi stessi: per tenere Rory occupato, in quanto Silver mangia più piano perché anziana, ho cominciato a offrirgli dopo il pasto un grosso pesce secco. Ottenendo il comportamento indesiderato che Rory ha cominciato a mangiare sempre più veloce. Ho dovuto così trasformare il pasto in una seduta di calma e il pesce si mangia solo quando anche Silver ha finito.

Essendo molto ampia la gamma di possibilità il mio suggerimento è di non trarre le conclusioni da soli, ma farsi aiutare da un educatore cinofilo professionista. L’educatore potrà osservare il cane in casa e durante il pasto e darvi il suo parere sulle ragioni che possono indurre il vostro amico a quattro zampe a mangiare veloce o dirvi che mangia in modo quasi normale, togliendovi questa preoccupazione.

Esistono poi alcune condizioni patologiche che influenzano l’assorbimento dei nutrienti, per cui il vostro amico a quattro zampe, non assimilandoli tutti, può sentire lo stimolo della fame più di altri cani.  Oppure il cibo commerciale secco è in dose inadeguata ali bisogni del cane: ogni volta che cambiate crocchette leggete sul retro la quantità consigliata, non è uguale per tutte le crocchette, lo stesso vale per le scatole di umido; quando offrite la dieta casalinga o cruda assicuratevi che sia stata preparata da un professionista, in grado di bilanciare ai pasti e nel corso della settimana le quantità di cui il cane ha bisogno. 

cane mangia calmo

I 7 consigli per allungare il tempo dedicato ai pasti

1.Potete utilizzare un puzzle feeder, quei giochi di attivazione mentale che normalmente nascondono dei piccoli premi. E’ semplice per chi usa crocchette od offre la dieta cruda, con umido o casalinga si sporcherebbe moltissimo. L’uso di questi giochi rende impossibile ingoiare rapidamente.

2. Offrite il pasto su un vassoio da pasticceria, scegliete il vassoio di dimesione adeguata al pasto del vostro cane, che dovrà essere sparso per tutta l’area, in una superfice estesa e piatta. Il cane dovrà leccare e prendere il cibo e questo richiederà più tempo, impedendo di mangiare voracemente. Non è forse la miglior scelta se si offrono crocchette, perché potrebbero spargersi ovunque.

3. Utilizzate una teglia da muffin, riempiendo ogni spazio da muffin con uno o due cucchiai di pasto spingeremo il cane a muoversi da spazio a spazio, rallentando naturalmente. Ideale per tutti i tipi di diete. Prendete in considerazione di acquistare una ciotola apposita, per rallentare l’ingestione del pasto (vedi foto), ve ne sono di vari tipi, ma vi raccomando quelle in acciaio, non in plastica. Sonopiù semplici da pulire e disinfettare con l’aceto di mele, non si rompono e non rilasciano agenti chimici con il tempo. La forma di queste ciotole in acciaio è semplice, hanno un cono o un cilindro o meglio una cupola centrale e il cibo si dispone tutto intorno all’ingombro; ve ne sono alcune con forme ripetute come tre cilindri.

ciotola slow feeder ourpets

(photo credits Ourpets stainless steel slow feed dog bowl)

 5. Potete anche creare una ciotola per rallentare l’ingestione da voi, mettendo una palla o una pietra tondeggiante e levigata all’interno della solita ciotola dove mangia il vostro cane. Dovrà essere abbastanza grande da impedire al cane di buttarla fuori o morderla per sollevarla, ponete il cibo tutto intorno e vedete come reagisce il vostro amico a quattro zampe.

6. Offrite un numero superiore di pasti, non fermatevi a due, ma pensate a quattro pasti durante la giornata se potete farlo. Questo consiglio è complicato, poiché molti di noi lavorano e sono almeno cinque ore fuori casa, ma per tutti gli altri è un’ottima soluzione. Si tratta di dividere la quantità giornaliera di cibo in tanti piccoli pasti suddivisi lungo la giornata, da 4 a 6 o 8 pasti. Tuttavia, non tutti i nostri amici a quattro zampe si sentiranno sazi con dei pasti ridotti e alcuni potrebbero avventarsi comunque sul cibo, soprattutto quei cani alimentati a crocchette.

7.Infine, date da mangiare con le mani al vostro cane, questo è il consiglio da utilizzare solo quando tutti gli altri metodi falliscono. Richiede molto del vostro tempo, dovrete sporcarvi le mani e non è una buona abitudine per alimentare il cane. Ma in casi senza soluzione può aiutare ad abituare il vostro amico a quattro zampe a capire che c’è tanto cibo e si può mangiare piano. Una volta capito, passate alla ciotola con l’ingombro all’interno.

(Courtesy of Healthy Pets with Dr. Karen Becker presented by Mercola) 

 

Cosa mangiano i nostri cani? Dai prodotti in commercio all'alimentazione casalinga

Il libro di Fido A Tavola scritto da Elena Garella è disponibile su Amazon in formato cartaceo e e-book.

Con il cibo dite al vostro cane che lo amate. Crocchette, scatole di umido, cucina casalinga o Barf, tutte le alimentazioni hanno il loro perché e nel libro troverete i consigli utili a migliorare la vostra scelta oppure a cambiarla. Vi prenderò per mano e insieme sceglieremo la crocchetta ideale per il vostro cane oppure cucineremo un gustoso pasto casalingo con 4 semplici ingredienti.

Ordina la tua copia

Cosa mangiano i nostri cani? Dai prodotti in commercio all'alimentazione casalinga
Ritratto di Elena Garella

Elena Garella

Sono Elena Garella e da circa 20 anni mi occupo di alimentazione animale. Sono cresciuta in compagnia di cavalli e cani e l’alimentazione è stata da subito il mio principale interesse. Per questo dopo aver frequentato il liceo scientifico nella mia città natale, Roma, ho deciso di laurearmi in Scienze della produzione animale, a Pisa, e ho poi conseguito il dottorato di ricerca in Alimentazione animale a Bologna.