Quadrotti di fegato e mirtilli rossi

Questa ricetta richiede di avere a disposizione almeno 1 ora per essere completata, ma preparerete dei premi succulenti e sani per i vostri cani.

Ingredienti:

230 Grammi fegato di vitello

2 uova

100 grammi di mirtilli rossi

128 grammi di farina di riso

60 grammi di farina di mais per polenta

1 cucchiaio di prezzemolo essiccato

Preparazione:

Riscaldare il forno a 200 °C. Tagliate il fegato in pezzi di circa 5 centimetri, poi prendete un contenitore con pareti alte e rompetevi le uova, aggiungete il fegato in pezzi, a farina di riso e la farina di polenta. Frullate il tutto in un mixer così da ottenere un impasto compatto e ponetelo in una ciotola. Mettete i mirtilli rossi in una pentola antiaderente, tenendone da parte una decina, con abbastanza acqua per stufarli a fuoco basso. Aggiungete all’impasto i mirtilli stufati, miscelandoli con le mani o un cucchiaio di legno all’impasto preparato precedentemente. Quindi versate sopra il tutto i mirtilli rossi interi e mescolate in modo da non romperli, ma incorporarli nell’impasto.

Esecuzione:

Prendete una teglia, quadrata preferibilmente, e foderatela con carta da forno non aderente, quindi versatevi l’impasto. Disponetelo uniformemente e infornate, cuocendo per circa 25 minuti. Potete controllare con uno stuzzicadenti che la cottura sia uniforme sino al cuore dell’impasto. Estraete e lasciate raffreddare per 10 minuti all’interno della teglia, quindi potrete togliere il composto cotto dal contenitore e lasciarlo raffreddare completamente. Tagliate a quadrotti, abbastanza grandi perché il vostro cane li debba masticare e non possa ingoiarli interi. 

Conservare in un contenitore chiuso in frigorifero per massimo 2 settimane, oppure in congelatore per non più di 6 mesi.

 

Ritratto di Elena Garella

Elena Garella

Sono Elena Garella e da circa 20 anni mi occupo di alimentazione animale. Sono cresciuta in compagnia di cavalli e cani e l’alimentazione è stata da subito il mio principale interesse. Per questo dopo aver frequentato il liceo scientifico nella mia città natale, Roma, ho deciso di laurearmi in Scienze della produzione animale, a Pisa, e ho poi conseguito il dottorato di ricerca in Alimentazione animale a Bologna.