condividi:

snack disidratati facili e naturali

Oggi ho pensato di proporvi degli snack disidratati a base di frutta e verdura. Sono dei premi salutari, con poche calorie che i vostri cani apprezzeranno, magari non immediatamente se non sono già abituati. L’idea mi è venuta pensando alle sedute con l’educatore che ho fatto e faccio con Silver e Rory, per premiarli quando riescono in un esercizio o modificano un comportamento non appropriato. Rory e Silver adorano il cibo, tutto, anche quello inimmaginabile (patate crude) e non volevo ingrassassassero utilizzando snack già pronti, pieni di grassi o di conservanti, ma mi sono detta: sempre pescetti essiccati? E la risposta è stata, no certo.

Come disidratare frutta e verdura

Prima di tutto lasciate che vi dica che non vi consiglio di provare ad essiccare subito una grande quantità di frutta o verdura (mele e carote saranno l’oggetto delle due ricette che troverete alla fine dell’articolo), i metodi non sono complicati, ma se utilizzerete il forno ventilato o il micronde sarà possibile che non riusciate subito a raggiungere il giusto grado di essiccazione, senza bruciare o lasciare troppo morbide le fette di frutta o verdura. Se l’idea vi appassionerà potrete sempre valutare se comprare un essiccatore elettrico, facilmente reperibile su internet a prezzi modici.

Essiccazione in forno

La temperatura ideale è di circa 140 °C con il forno in modalità ventilata, così che si elimini l’umidità, ma se il vostro forno non è moderno potete lasciare leggermente aperto lo sportello. Saranno necessari dai 35 ai 45 minuti, dovrete osservare attentamente il procedimento e girare le fette di frutta o verdura per avere una disidratazione omogenea. Se non riuscite a gestire la temperatura così alta, potete diminuirla, aumentando contemporaneamente la durata del processo.

Essiccazione nel microonde

Si tratta di seccare frutta e verdura alternando microonde elevate (800-850 watt), per un tempo medio (4-5 minuti), a microonde medie (450 watt), per un tempo breve (1-2 minuti), e microonde medie (300-350 watt) per un tempo medio (5-6 minuti). In genere non si ottiene mai un’essiccazione molto elevata e la conservazione del prodotto è di 1 giorno.  

mele seccate

Essiccazione con il disidratatore elettrico

Se ci si appassiona e si vuole investire una certa somma di denaro per l’acquisto di un nuovo elettrodomestico, il disidratore elettrico semplifica le operazioni e utilizza una temperatura più bassa del forno ventilato (60 °C) che rispetta di più il prodotto. Occorreranno circa 6-8 ore, con frutta o verdura molto ricche di acqua anche 24 ore.

Come preparare degli ottimi snack

Innanzitutto, sarà necessario pelare la frutta e la verdura, quindi tagliarla a fette, rondelle o strisce, omogenee come larghezza e spessore, per permettere una disidratazione ideale. Porre le fette su un vassoio, con carta da forno se in forno ventilato, senza sovrapporle. Per evitare che la frutta si scolorisca molto potete aggiungere del succo di limone, ma questo aumenterà il tempo necessario per seccare il tutto. La frutta disidratata, una volta raffreddata, se premuta non deve emettere acqua o un alone di umidità, altrimenti andrà essiccata ancora. Potete conservarla in un vaso di vetro ermetico e se sulle pareti si dovesse formare della condensa, la frutta andrà estratta e seccata ancora. Conservate il recipiente in frigorifero, per 3-4 giorni o congelate il prodotto per poi utilizzarlo, ma potrebbe perdere la sua croccantezza. Per le ricette ho scelto un frutto, la mela, e una verdura, la carota, tendenzialmente dolci e quindi gradite al palato dei nostri amici a quattro zampe.

vaso con chips carote

Ricetta n.1 Rondelle di mele al microonde

Ingredienti

2 mele dolci, della qualità che preferite

Procedimento

Iniziate eliminate il torsolo con l’apposito strumento, poi pelatela e tagliate a rondelle (fette rotonde) sottili. Ponete le fette di mela sul piatto del microonde, attenzione a non sovrapporle.

Effettuate una prima cottura di 5 minuti a 800-850 watt, girando le fette dopo 2,5 minuti. Impostate quindi 1 minuto di cottura a 450 Watt e di seguito 5 minuti a 300-350 Watt, avendo cura di girare le rondelle a metà di questa ultima cottura.

Le fette di mele dovrebbero essere consitenti e croccanti, se non lo sono provate ancora 1 o 2 minuti a 350 Watt. Lasciatele raffreddare e offritele al vostro cane. Conservate le rimanenti in un vaso di vetro ermetico in frigorifero.

 

Ricetta n. 2 carote a fette in forno ventilato

Ingredienti

3 carote di media lunghezza

Preparazione

Preriscaldate il forno, funzione ventilato, a 140 °C.

Pelate le carote, dopo averle lavate, e con un pela patate ricavatene delle strisce sottili, cercando di ottenere uno spessore di circa 3 millimetri.

Preparate una teglia  rivestita con carta da forno e distribuite le strisce di carota, senza sovrapporle. Cuocete le fette per 40-45 minuti, controllando la cottura frequentemente, per evitare di bruciarle, e girandole con una spatola a metà cottura.

Lasciatele raffreddare fuori dal forno e se ben croccanti potrete offrirle al vostro cane e conservarle per 3-4 giorni in un barattolo di vetro ermetico, posto in frigorifero.

Cosa mangiano i nostri cani? Dai prodotti in commercio all'alimentazione casalinga

Il libro di Fido A Tavola scritto da Elena Garella è disponibile su Amazon in formato cartaceo e e-book.

Con il cibo dite al vostro cane che lo amate. Crocchette, scatole di umido, cucina casalinga o Barf, tutte le alimentazioni hanno il loro perché e nel libro troverete i consigli utili a migliorare la vostra scelta oppure a cambiarla. Vi prenderò per mano e insieme sceglieremo la crocchetta ideale per il vostro cane oppure cucineremo un gustoso pasto casalingo con 4 semplici ingredienti.

Ordina la tua copia

Cosa mangiano i nostri cani? Dai prodotti in commercio all'alimentazione casalinga
Ritratto di Elena Garella

Elena Garella

Sono Elena Garella e da circa 20 anni mi occupo di alimentazione animale. Sono cresciuta in compagnia di cavalli e cani e l’alimentazione è stata da subito il mio principale interesse. Per questo dopo aver frequentato il liceo scientifico nella mia città natale, Roma, ho deciso di laurearmi in Scienze della produzione animale, a Pisa, e ho poi conseguito il dottorato di ricerca in Alimentazione animale a Bologna.