Gli organi nella alimentazione casalinga per il cane

Reading Time: 4 minutes

Gli organi nella alimentazione casalinga per il cane sono fondamentali, infatti i visceri sono la prima parte di un animale che il predatore mangia in natura. Possiamo darli tranquillamente, seguendo alcuni accorgimenti che vi descrivo in questo articolo.

Quali organi dare al cane

Gli organi, cuore, fegato, milza e reni, sono una delizia alimentare per il palato dei cani e sono ricchi di vitamine, minerali e co-fattori enzimatici. Non bisogna dimenticare che la carne e le ossa non contengono tutti i nutrienti più importanti e per questa ragione gli organi sono consigliati nell’ alimentazione casalinga.

Rispetto ai comuni tagli di carne (muscolo), gli organi contengono quantità superiori di vitamine del gruppo B, quali B1, B2 e B6, acido folico e vitamina B12. Inoltre, sono ricchi di minerali come fosforo, ferro, rame, magnesio e iodio. Infine, alcuni organi possono fornire anche buone quantità di vitamine liposolubili (A, D, E e K).

La quantità di organi da inserire nella alimentazione casalinga del cane è pari al 10%-15% della percentuale di carne.

Il cuore, un organo muscoloso

Il cuore, essendo un organo muscoloso assomiglia alla carne, come composizione, ma è più pesante e più denso di un muscolo. 

E’ un organo ricco di proteine e di nutrienti unici quali il Coenzima Q10. Questo coenzima è necessario per lo svolgimento delle funzioni cellulari di base e per ottimizzare il ritmo cardiaco. Il Coenzima Q10 partecipa alla produzione di energia necessaria alle cellule e al cuore ed è un potente antiossidante.  Sembra che all’aumentare dell’età, l’organismo ne produca meno. E’ quindi ideale da aggiungere alla ciotola del vostro cane.

Il cuore bovino contiene anche selenio, fosforo e zinco. Contiene una quantità doppia di collagene e di elastina della carne, due nutrienti importanti per le articolazioni dei cani. Infine, il cuore è un’ottima fonte di taurina, un aminoacido non essenziale, necessario però per mantenere la salute del cuore in quanto organo funzionante. Il cuore essendo un organo-muscolo non ha limiti di percentuale di inserimento.

Il fegato, ricco di vitamina A

Il fegato, è un organo che occorre utilizzare con attenzione, seguiti da un nutrizionista come me. Infatti, è ritenuto una delle fonti più concentrate di vitamina A naturale, questa vitamina mantiene la salute degli organi riproduttivi, collabora al mantenimento della vista ed è un potente antiossidante. Questo organo contiene anche molte vitamine del gruppo B, che contribuiscono a mantenere le capacità mentali, la salute del sistema nervoso, a prevenire l’anemia. Inoltre, è ricco di una delle migliori fonti di ferro disponibile, vale a dire utilizzabile dall’organismo dei nostri cani (e nostro). Il ferro è necessario per formare l’emoglobina che trasporta l’ossigeno nel sangue. Altre funzioni a cui partecipa sono lo sviluppo e la funzione del cervello e la regolazione della temperatura corporea.

Il mio consiglio è scegliere fegati di bovino, maiale o pollo, sia da allevamenti convenzionali, sia biologici. Questo organo può rappresentare il 5% della quantità totale di organi che offrirete al vostro cane, il 10-15% dell’intera dieta settimanale.

Infine, se li trovate, potete utilizzare anche milza, reni e stomaco (trippa), tutti organi meno ricchi di nutrienti rispetto al cuore e al fegato, ma utili per comporre una buona miscela di sapori.

Cotti o crudi?

Nella alimentazione casalinga consiglio di cuocere gli organi. Non vi sono controindicazioni a offrirli crudi o appena scottati, ma alcuni cani non accettano il sapore o l’odore degli organi crudi.

Ecco i miei 3 consigli top su come cuocere gli organi:

1. Il fegato si può fare alla piastra oppure cuocerlo in una padella antiaderente con poca acqua.

2.Il cuore è un organo muscoloso, quelli di bovino e di suino sono anche di grandi dimensioni, vi suggerisco di tagliarlo in pezzi grossi e scottarlo alla piastra o cuocerlo in padella con poca acqua. Attenzione a una cottura troppo lunga, lo rende molto duro.

3. I reni potete cuocerli al vapore , lasciandoli leggermente rosati o porli in una padella antiaderente con un poco di acqua o scottarli alla piastra.

Se volete offrire altri organi come principio generale vi suggerisco di cuocerli alla piastra o in padella antiaderente, eccetto la trippa che sarà meglio bollire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ciao, sono Elena Garella.

Ti racconto un po di me

Social Media

ULTIMI ARTICOLI

IL LIBRO DI FIDO A TAVOLA

Acquista la tua copia

SEGUIMI SU FACEBOOK